Consigli utili per la trascrizione

Fare una trascrizione di buona qualità non può essere un compito facile. Il nostro lavoro come trascrittori è quello di poter ricreare con la massima precisione ciò che sentiamo.

Anche se avere una buona ortografia, un posto tranquillo e buoni apparecchi acustici è indispensabile, non è tutto. Una goccia di pazienza e molta attenzione sono le chiavi necessarie per un risultato ottimale.

"Sbrigati lentamente" diceva l'imperatore Augusto. È con questa stessa filosofia dobbiamo prendere un compito di trascrizione. La stragrande maggioranza all'inizio finisce per commettere lo stesso errore poco produttivo, cambiare quantità per qualità.

Come ottenere una trascrizione di alta qualità?

Prima di iniziare, è fondamentale ascoltare l'audio completo almeno una volta. Questo dà alle nostre orecchie la possibilità di adattarsi, riconoscere i nuovi suoni, familiarizzare con una voce strana, riconoscere l'ambiente, il numero di interlocutori, ecc. Anche se sembra poco credibile, l'intero contesto di un audio può cambiare ascoltando per la seconda volta.

Ascoltare con attenzione l'interlocutore. E non stiamo parlando di ascoltare la sua voce, anzi, dobbiamo imparare ad ascoltare i suoi silenzi, le sue pause e la sua intonazione. Se prestiamo attenzione, ogni pausa può diventare una virgola, un punto o cambiare completamente il senso della nostra trascrizione.

I dettagli sono importanti. Al momento di trascrivere, ogni suono, rumore o interruzione (sia dell'ambiente, di un terzo o dello stesso interlocutore) conta e deve essere tradotto con l'uso delle etichette.

Indaga. Molte volte troverete termini sconosciuti, nomi di città, aziende, prodotti, ecc. La ricerca è la chiave: prendere il tempo di cercare su Google eventuali dubbi che emergono ci permetterà un risultato finale di qualità superiore.

Alla fine, controlla la trascrizione. Rimetti l'audio dall'inizio, mentre segui con la vista ciò che hai scritto in precedenza. Aiutarci con qualche correttore ortografico può essere molto utile per correggere quei piccoli errori che ci potrebbero essere sfuggiti.